I parchi e le riserve naturali

Oltre alle Città del Tufo, alle necropoli etrusche, ai vigneti e alle splendide coste, c’è una Maremma incontaminata, scenario di grandi paesaggi, popolata da animali selvatici e piante rare. E’ la Maremma dei parchi e delle riserve naturali.

Veduta panoramica verso il mare dal Parco naturale della Maremma.

Il Parco Regionale della Maremma è il più antico parco della Toscana.
Si estende lungo il tratto meridionale della costa maremmana, da Principina a Mare a Talamone, interessando i rilievi montuosi dell’Uccellina.
Il Parco dispone di due ingressi dai quali è possibile accedere ai diversi itinerari presenti nel Parco: uno è ad Alberese, verso Grosseto, e l’altro a Talamone.

Alle pendici del monte omonimo si distende il Parco Faunistico del Monte Amiata, interessante dal punto di vista naturalistico e paesaggistico. La vegetazione è rappresentata soprattutto da licheni, sassifraghe e piante spinose, in contrasto con i boschi di castagni e faggi che ricoprono i terreni amiatini.

Macchia mediterranea nel Parco naturale della Maremma (foto M. Tisi).
Laguna di Orbetello (foto M. Tisi).

La Riserva Naturale della laguna di Orbetello è una laguna costiera salmastra in cui è stata istituita un’Oasi WWF.

Sul suo territorio si alternano macchia mediterranea, pineta, stagni d’acqua dolce, campi coltivati, boschetti idrofili e di sughere. Qui è possibile ammirare una molteplicità di specie di flora: ampi canneti, boschetti di pioppo bianco, olmo, frassino, sughera ed eucalipto. Tra le piante più rare vi è anche l’orchidea Orchis palustris.
Sotto il profilo faunistico la riserva si caratterizza soprattutto per la grande varietà di specie di uccelli: anatre selvatiche, aironi, gabbiani, cormorani, cavaliere d’Italia, airone cenerino, fenicottero, falco pescatore, cicogna bianca, beccaccia di mare. Tra i mammiferi spiccano la volpe, il tasso e l’istrice.

Il Parco Naturale della Maremma dista dall’Agriturismo Poggio Mirabile 55 km e occorre circa 1 ora di auto per raggiungerlo.